In un mondo digitale e con un mercato fortemente competitivo, tutte le aziende che si rapportano con clienti sia B2B che B2C necessitano di dare supporto ai propri utenti finali, magari senza una struttura e una infrastruttura dedicata al Customer Care, magari attraverso un chatbot…

Le possibilità di applicazioni di un chatbot sono infinite, e dipendono fortemente dal proprio business e dalle proprie necessità. Proviamo insieme a fare alcuni esempi:

  • Per una azienda o un negozio che fa vendita online, un chatbot potrebbe facilitare il processo di acquisto rispondendo alle domande sui prodotti, sulla modalità di reso, sulla spedizione … per fornire una esperienza cliente più semplice e fluida, ed evitare abbandoni dei carrelli perché magari le informazioni sul sito ci sono ma non sono facilmente accessibili all’utente che vuole tutto a portata di mano
  • Un ristorante che raccoglie ordini online per la delivery potrebbe utilizzare un chatbot per seguire il cliente alla scoperta del proprio menu, consigliando i piatti in base a un ingrediente o alle preferenze del cliente rendendosi appetibile già al primo incontro
  • Un chatbot completamente automatico potrebbe, in ogni caso, sostituire l’accesso alle FAQ, rendendo possibile all’utente consultare le risposte facendo domande in linguaggio naturale, al posto di cercare all’interno di una lista o fare ricerche per keyword, entrambe soluzioni poco user-friendly e poco performanti

…e come si fa ad ottenere questo senza operatori, senza CTI, senza costi capex..?

Vi presentiamo ComUnico.

Nel 2019 ComApp ha lanciato ComUnico: un assistente virtuale testuale e vocale capace di integrare la piattaforma di Contact Center con i motori di intelligenza artificiale.

Un assistente virtuale… sì perché ComUnico è un collega, un collega speciale senza codice fiscale né scrivania, ma con una propria identità.

Articoli correlati

Il suo nome nasce dalla fusione di ComApp e della parola Unico nei suoi 2 significati: uno e in quanto singolare, irripetibile, inconfondibile, eccezionale.

La sua forma esprime qualcosa di semplice, pulito ma anche energico e di sostegno: i 3 cerchi simboleggiano ComApp, ComUnico e il cliente, che si muovono e lavorano insieme con fiducia reciproca, dando ascolto gli uni agli altri, per fondersi poi e raggiungere insieme l’obiettivo.

Si cresce.

Una delle tappe del “diventare grandi” è l’autonomia e ComUnico oggi diventa 2.0 assumendo anche una nuova veste all-in-one, indipendente e pensata per quelle aziende che vogliono offrire alla propria clientela un servizio di assistenza agentless, senza necessità di una piattaforma CTI.

Ma cosa significa indipendente e All-In-One?

Che non c’è bisogno di altro per poter avere un servizio di chatbot! Non servono operatori, non serve una piattaforma CTI, non servono investimenti, non serve infrastruttura aggiuntiva: ComUnico 2.0 è un servizio fruibile sia in cloud sia ospitato on-premise, che non necessita di investimenti iniziali in modalità CAPEX, in quanto viene proposto con licenze d’uso annuali prepagate, adeguandosi alle attuali logiche economiche e di mercato; non necessita di operatori né di CTI perché è un servizio di chat in self, appoggiata a un sistema di intelligenza artificiale.

ComUnico 2.0 si compone di tre parti:

  • Interfaccia cliente
  • Core Engine
  • Interconnessione con il motore di NLU(Natural Language Understanding)

L’interfaccia cliente è un widget facilmente includibile nel proprio sito internet, dalla grafica personalizzabile per potersi adeguare al look & feel aziendale. Il suo compito è quello di permettere all’utente di scrivere messaggi, e di visualizzarne le risposte.

Il core engine è il cuore di ComUnico 2.0; si tratta di una web application che svolge diverse funzioni:

  • Garantisce la persistenza della sessione, salvando progressivamente la conversazione su un database
  • Effettua il dispatching dei messaggi
  • Espone una interfaccia Web di amministrazione, grazie alla quale sarà possibile accedere a report di andamento del servizio su cui poi basare analisi di evoluzione o di tuning dei dialoghi

L’interconnessione con il motore di NLU (Natural Language Understanding) è il componente che permette l’integrazione della chat con l’intelligenza artificiale e di offrire quindi un servizio automatico che risponda autonomamente ai clienti in base ai dialoghi configurati.

ComUnico 2.0 può interfacciarsi a diversi motori NLU per adeguarsi alle necessità e preferenze aziendali.

Ma non parliamo solo di tecnologia: ComApp, grazie all’esperienza acquisita, ha il know-how necessario per accompagnare i propri clienti nel percorso di adozione dell’intelligenza artificiale, dalla consulenza per la definizione dei dialoghi, alla loro stesura … quindi alla formazione di ComUnico 2.0 che diventerà il vostro collega virtuale e la voce della vostra azienda!

#daivalorealtempo

NEWS