ComApp si occupa dalla sua nascita, e ancor prima, di servizio al cliente: ha visto l’alba del concetto di Customer Experience con i centralini evoluti e i Call Center, di cui ne ha poi seguito, favorito e supportato l’evoluzione fino a oggi, in cui si parla Experience as a service, di Artificial intelligence applicata ai bot, all’analisi delle performance, alla predizione del comportamento del cliente e dei volumi di traffico…

Le risorse che lavorano in ComApp hanno esperienze diverse e profonde nell’ambito della Customer Experience: possiamo vantare colleghi la cui vita professionale è ed è stata dedicata al contact center in tutte le sue forme da operatore a sviluppatore, da “tecnico di sala” a ingegnere, in un percorso che ne ha arricchito competenze, conoscenze e capacità.

Per toccare con mano un numero concreto, prendiamo l’esempio di sole 3 persone: le chiameremo Mister M, Mister F e Miss G.

Mister M e Miss G sono ben lontani dalla pensione, sono a metà della loro vita lavorativa, nonostante questo i tre insieme portano sulle spalle ben 73 anni (25+25+23) di esperienza nel mondo della Customer Experience; sono stati operatori, responsabili di contact center, sviluppatori, architetti di soluzioni e ora fanno parte della famiglia di ComApp come Sale, Pre-Sale e Consulente mettendo a disposizione il loro pesante bagaglio di esperienza per i nostri clienti.

Grazie a queste persone, e tante altre come loro, ComApp è in grado di capire il cliente, di poter avere un dialogo consapevole, aperto e sincero, non solo a livello teorico e accademico ma anche pratico vissuto sulla propria pelle di “addetto ai lavori” e, ovviamente, di consumatori di servizi. Sappiamo bene quanto sia diversa la storia letta sui libri e vissuta: tra studiare un argomento e vivere un’esperienza c’è la stessa differenza che c’è tra leggere la ricetta di un piatto e saperlo preparare, bene.

ComApp non solo conosce, vende e mette in produzione soluzioni tecnologiche, ma offre il proprio expertise per accompagnare e guidare il cliente nella miglior scelta sia tecnologica che organizzativa, basata sullo studio delle necessità sia di business che IT.

Un bravo personal chef non si limita a cucinare una ricetta conosciuta, per quanto ottima; un bravo personal chef studia il menù in base ai gusti del cliente, dei suoi ospiti, oltre che al motivo e alla tipologia della cena.

ComApp, infatti, è fautore del concetto di tailor-made: studiare e ritagliare le proprie proposte sulle esigenze del cliente; questo non può essere realmente applicabile se non si ha la consapevolezza di quale sia lo scopo ultimo di una richiesta, di quali siano le esigenze e la quotidianità di un contact center, anche a livello operativo. Non si tratta solo di conoscenza del cliente, ma di essersi “sporcati le mani” nella stessa pasta, di aver incontrato e capito le necessità, gli ostacoli e gli obiettivi.

La storia di ognuno di noi ci permette di applicare nel nostro lavoro di tutti i giorni un modello ibrido, fatto di conoscenza, tecnologia e consulenza.

You are not alone

#daivalorealtempo

Articoli correlati

NEWS